Your Inter Site
 
www.inter-calcio.it PALMARES

















Webmasters Nerazzurri

 

 

 


Rub幯 Botta

Nato a San Juan-Argentina  in Argentina il 31-01-1990

Altezza 165 cm -  Peso 75 kg

 Centrocampista dell'Inter nr. maglia 20

 

Statistiche della stagione 2013/2014 di Rub幯 Botta

  Campionato Coppa Italia TOTALE
presenze 3 1 4
gol 0 0 0
MINUTI GIOCATI 27 13 40
CART. GIALLI 0 0 0
CART. ROSSI 0 0 0
PALI TRAVERSE 0 0 0
SOST. FATTE 3 1 4
SOST. AVUTE 0 0 0
PANCHINE 0 0 0

 

Carriera e Vittorie di Rub幯 Botta

stagione squadra campionato Coppe internazionali Coppa Italia/Supercoppa
pres gol pres gol pres gol
2008/09 Tigre (A - Arg) 2 0        
2009/10 Tigre (A - Arg) 9 0        
2010/11 Tigre (A - Arg) 23 0        
2011/12 Tigre (A - Arg) 7 0        
2012/13 Tigre (A - Arg) 20 5        
ago'13-gen'14 Livorno (A)            

 

          

           Ruben Botta "Grazie Inter per aver creduto in me, non ti deluderò"

"E' con orgoglio che indosso la maglia nerazzurra e farò di tutto per onorarla. Le difficoltà possono capitare a tutti, in queste situazioni vengono fuori gli uomini oltre che i calciatori: lavoreremo sui nostri errori"

APPIANO GENTILE - "In avanti, sulla sinistra o sulla destra è lo stesso, non è un problema: dove il mister avrà bisogno io starò", esordisce così Ruben Botta, con umiltà ma allo stesso tempo decisione, nella conferenza stampa di presentazione alla stampa, al centro sportivo "Angelo Moratti" di Appiano Gentile.

Al suo fianco il direttore sportivo Piero Ausilio, che Botta ringrazia quando racconta di quello che è stato il suo infortunio e di quanto l'Inter lo abbia aiutato: "E' stato un momento molto difficile per me quando mi sono fatto male, ho temuto che il sogno Inter si infrangesse, ma Piero Ausilio e in generale tutto il club mi hanno aiutato, aspettato, li ringrazio. Così come ringrazio il Livorno che mi ha preso in prestito nella prima parte della stagione e mister Mazzarri che ora sta credendo in me".

Botta mostra con orgoglio la maglia nerazzurra con il numero 20, quello che per tutti i tifosi riporta alla memoria Alvaro Recoba: "Un grande calciatore, mi piaceva moltissimo il suo gioco, dovrò lavorare molto per provare a fare del mio meglio con questo numero così importante indosso. Io mi ispiro a giocatori che come lui sanno fare la differenza. Calciatori che giocano al massimo, penso anche a Riquelme, Messi, giocatori argentini che per me significano tanto. Così come per me ha significato tantissimo anche un altro giocatore, non argentino però: Ronaldo, che ha fatto la storia dell'Inter, un idolo".

Ruben si sofferma poi sulle sue condizioni e sul momento della squadra: "Credo di essere migliorato molto nell'ultimo mese, giorno dopo giorno, e il ginocchio sta bene: cercherò di fare del mio meglio, in ogni istante. Per quanto riguarda la squadra, non è un bel momento ma è in queste situazioni che si vedono gli uomini, oltre che i giocatori. Le sconfitte, le difficoltà, vanno messe alle spalle e bisogna cercare di imparare dagli errori".

Poi una riflessione sulla scelta di venire all'Inter, "una squadra che rappresenta un sogno per un giocatore argentino e non solo. Il fatto che ci fossero molti argentini, poi, ha influito sulla mia scelta, anche perch stiamo parlando di grandi uomini e di grandi calciatori. Cerco di apprendere molto da loro".

Tra i compagni che Botta ha trovato qui all'Inter, una menzione poi per Kovacic, che "ha una grande tecnica e un grande futuro, così come anche Juan Jesus. Giocatori giovani che apprezzo molto".
04.02.2014 - tratto da INTER.IT