Your Inter Site
 www.inter-calcio.it
www.inter-calcio.it PALMARES

















Webmasters Nerazzurri

 

 

 


Peppino Prisco vice Presidente dell'Inter

 

Il Sasso Nello Scarpone da Sci

EDIZIONE NAZIONALE del 12/12/2001

Addio, gentiluomo

LUTTO NEL CALCIO: È MORTO PEPPINO PRISCO

Peppino Prisco

Unedizione breve ma completamente seria del nostro periodico: il calcio e il fantacalcio piangono uno dei loro personaggi più carismatici e rappresentativi."E' morto l'avvocato Peppino Prisco, alpino e tifoso dell'Inter", così, laconicamente, un portavoce della società di Massimo Moratti ha confermato la notizia che fin dalla prima mattina era iniziata a circolare per Milano. Prisco era vicepresidente dellInternazionale di Milano e consigliere onorario della MadMax, la squadra del Presidentissimo. Si è spento nella sua casa di Milano nella notte tra martedì e mercoledì scorso colpito da infarto. Aveva appena compiuto 80 anni. Decenni di vita e di sport con ununica passione: lInter. Come non ricordare la sua battuta quando venne accusato di essere simpatizzante bianconero: "Non sono assolutamente filojuventino: è che sono più antimilanista che antijuventino!". Gli addetti ai lavori lo ricordano come un collega e avversario molto leale anche se fazioso (molto fazioso), ironico e pungente, ma anche onesto ed educato. Chi lo ha conosciuto ha voluto ricordarlo in questi giorni nei modi più vari: "La sua morte è un grande dispiacere perch, pur essendo un grande avversario, era difficile considerarlo tale. Nei nostri confronti era sempre molto spiritoso, ma era difficile arrabbiarsi per quello che diceva. Devo ammettere che vincere contro l'Inter non sarà più la stessa cosa" è il ricordo di Paolo Maldini del Milan.Commosso anche Walter Zenga, il portiere nerazzurro preferito da Prisco: "Con lui se n'è andata l'Inter. Quando l'ho saputo, sono rimasto sconvolto. Lui era l'Inter. Sono passati presidenti, giocatori, allenatori e lui era sempre lì. Un giorno terribile. Lo conoscevo da tantissimi anni, mi aveva messo nella sua Inter ideale... Giocherò per sempre nel suo campionato personale". "Addio Prisco tifoso di un calcio che non c'e' più" è lo striscione comparso laltra sera allOlimpico durante Roma-Brescia di Coppa Italia. Anche Ronaldo ricorda con particolare emozione la scomparsa del vicepresidente dell'Inter Prisco. Il Fenomeno, a modo suo con una rete segnata al Brescia dopo il lunghissimo infortunio, ha idealmente fatto un regalo di compleanno a Prisco. Ronaldo lo ha ricordato così sul sito ufficiale dell'Inter: "Che dolore la scomparsa dell'avvocato Prisco. Oggi è stato un giorno triste, una tristezza arrivata all'improvviso. Era una persona viva, giovane. Con lui trovavo mille motivi di allegria e conforto. Una persona che ti cambiava il pomeriggio e la vita intera, perchè ti sapeva far ridere per le cose ordinarie e ti era a fianco per le cose importanti. Sono tanti i ricordi che mi legano a lui. La cosa che mi commuove, adesso, è quella frase che ripeteva sempre: "chiedo scusa ai miei genitori, ma in mezzo alla foto di loro due io porto sempre quella di Ronaldo".

Personalmente, anchio ho avuto modo di apprezzarne la semplicità e la disponibilità: accadde qualche anno fa in occasione della festa nazionale degli alpini (cui Prisco non mancava mai) che si svolse nella nostra città. Mi trovavo ai lati del corteo dei vari gruppi di alpini che sfilava per le vie del centro, quando, in mezzo agli altri, riconobbi appunto Peppino Prisco. Dimpulso gridai "Ehilà, Prisco!", lui mi sentì e venne verso di me per stringermi la mano. Colto dallo stupore non seppi far altro che dirgli "Forza Inter", ma questo episodio dimostra una volta di più la grande sensibilità di un personaggio veramente unico che mancherà a tutto il mondo del calcio, come sottolineano i giocatori nel loro intervento.

Di seguito riportiamo alcune delle battute (naturalmente taglienti) più note di Peppino Prisco: è il nostro modo per ricordarlo.

"Il Milan in B. E per ben due volte: una...a pagamento e una... gratis. Sono dell'idea che una retrocessione cancelli almeno cinque scudetti conquistati e che la vittoria di una Mitropa Cup elimini i residui".

"Vedere Milan-Cavese 1-2 del 1983 in televisione, con i cugini in B è una cosa che fa molto bene a chi è malato".

"Io sono contro ogni forma di razzismo, ma mia figlia in sposa a un giocatore del Milan non la darei mai".

"In tanti aspetti, a cominciare dal modo unico in cui sa segnare, Ronaldo mi ricorda Meazza, il quale commise solo un errore: accettare il trasferimento al Milan. Sono sicuro che Ronaldo mai potrebbe essere indotto in una simile tentazione. Uno grande come lui può indossare una sola maglia: quella nerazzurra".

"La speranza per il futuro? Vorrei che chi mi incontra per strada mi gridi in faccia: Peppino campione d'Italia. Sogno lo scudetto. E, visto che ci sono, anche il Milan di nuovo in serie B".

"Il rigore negato in Juventus-Inter? Non è stato assolutamente un furto. In realtà si è trattato di ricettazione".

"Lo 0-6 nel derby? Non ricordo. E poi i giornalisti ne inventano sempre tante".

"Il presidente vorrebbe un 3-0. Io invece nei confronti dei milanisti sono più generoso, mi accontento di una vittoria su autorete allo scadere".

"Il Milan? Ho forti timori che questanno rimanga in A".

"La delusione di questanno per me sono Milan e Juventus. Vanno troppo forte, sono molto deluso".

"Il decennio di vittorie milaniste? Stranamente, mi ricordo solo le partite che hanno perso".

"La Juventus è come una malattia che uno si trascina dall'infanzia. Alla lunga ci si rassegna".

"Ci vorrebbe qualche supposta di pepe di cayenna per rivitalizzare qualcuno dei nostri giocatori".

"I festini a luci rosse dei giocatori dell'Inter? Non ne so niente, quando escono non mi chiamano mai".

"Prima di morire mi faccio la tessera del Milan, così sparisce uno di loro..."

 

VINCITORI DEL PREMIO LETTERARIO "PRISCO"

Giovedì, 21 Aprile 2005 17:41:40

MILANO - Si è conclusa da pochi minuti, nella sala coppe di Palazzo Durini, la conferenza stampa di presentazione dei vincitori della 1^ edizione del Premio Letterario "Peppino Prisco", realizzato da F.C. Internazionale con la collaborazione di Sport&Eventi.

L'Inter voleva ricordare un Indimenticabile. Lo voleva Massimo Moratti. E lo volevano proprio tutti quelli che avevano conosciuto l'avvocato Giuseppe Prisco, nel mondo Peppino. Tifoso interista, dirigente, vice presidente della Società. Alpino, un soldato coraggioso. Tanti dicono un eroe buono. Opinionista intelligente, appassionato, ironico. Un uomo unico con tre anime.
Così l'Inter, che si è trovata senza di lui e a volte lo cerca ancora, ha ideato un premio letterario. E gli ha dato il suo nome. E gli ha trovato tre anime.
Per la sessione istituzionale, dedicata agli scrittori professionisti, il Premio Letterario "Peppino Prisco" è stato vinto da Roberto Perrone con il volume "Zamora", edito da Garzanti, premiato dalla giuria, presieduta da Luigi Maria Prisco, e composta dal cantautore Roberto Vecchioni, dal giornalista Fabio Monti, dallo scrittore e attore Giuseppe Cederna, dall'opinionista Beppe Severgnini e dagli autori e scrittori Gino e Michele. Questi gli altri libri finalisti: "Vamos a ganar" di Giuseppe Di Principe, "Storie di pallone e bicicletta" di Carlo Martinelli, "Il mio Processo" di Aldo Biscardi e Luciana Baldrighi. La somma in palio per il vincitore del Premio Prisco verrà devoluta in beneficenza. Esattamente come avrebbe fatto l'avvocato, anzi come ha fatto, tantissime volte nella sua vita.
Federico Bagni, con il racconto "Va bene così", si è invece aggiudicato la sessione agli scrittori dilettanti under 35 che hanno partecipato al bando di concorso inviando, a Inter.it, ben 283 manoscritti. I dieci racconti finalisti sono stati raccolti e pubblicati da F.C. Internazionale nel volume "Storie in nero e azzurro", il primo di una serie che andrà avanti negli anni insieme con il Premio Letterario.
Per la sessione dedicata ai soci degli Inter Club, che hanno inviato centinaia di poesie e pensieri dedicati a Peppino Prisco e raccolti dal Centro Coordinamento, il vincitore è stato Vittorio Franzoni da Ospitaletto Bresciano. Il torneo di calcio, dedicato alla categoria Pulcini 1994, ha visto infine il successo della squadra nerazzurra allenata da Giuliano Rusca che ha superato Brescia, Torino e Chievo.
Alla conferenza stampa di questo pomeriggio, oltre ai vincitori delle sessioni istituzionale e under 35, hanno partecipato il presidente dell'Inter, Giacinto Facchetti, e il presidente della giuria del Premio Letterario, l'avvocato Luigi Maria Prisco.
A partire dalle ore 20, nel locale milanese che per l'avvocato Prisco era la seconda casa, ovvero il "Clubino" di via degli Omenoni, si svolgerà la serata di gala.

Ufficio Stampa

 

1 PREMIO LETTERARIO PEPPINO PRISCO     Venerdi, 12 Dicembre 2003 05:00:02

Indimenticato e indimenticabile. Ha fatto cultura del calcio, lavvocato Giuseppe Prisco, per tutti Peppino, che ha scritto, pennellato pagine indimenticabili della nostra storia e di quella di chi ci sta a fianco.
Due anni fa ci ha lasciato ed oggi F.C.Internazionale annuncia di voler intitolare proprio allavvocato Prisco un premio letterario, dove calcio, società e cultura si muoveranno in sintonia uno con laltro.
Mondi apparentemente lontani, ma come ci ha insegnato lui, inscindibili.

F.C. Internazionale

 

www.inter-calcio.it